A prescindere dal contributo unificato versato, se il complessivo valore della domanda supera gli Euro 1.100,00 la pronuncia del Giudice di Pace non può essere secondo equità e la relativa pronuncia può essere solo appellata (Cass., Sez. II, 16 ottobre 2012, n. 17682)

File allegati:

La pronuncia in  rassegna si inserisce nel solco della consolidata giurisprudenza della Suprema Corte (Cass., 11/06/2012, n. 9432; Cass., 13 luglio 2007, n. 15714), secondo cui, indipendentemente dal valore dichiarato ai fini del contributo unificato, se il valore della controversia, determinato ai sensi dell'art. 10 c.p.c., eccede il limite di Euro 1.100,00, la sentenza del Giudice di Pace non può in ogni caso considerarsi pronunciata secondo equità, con la conseguenza che il provvedimento è soggetta solo all'appello e l'eventuale ricorso per Cassazione proposto dovrà essere dichiarato inammissibile.
 

a cura di Alessandro Iandelli

I commenti sono chiusi.