Onorari e diritti dovuti al difensore per prestazioni professionali e procedimento di ingiunzione (Cass., Sez. II, 5 maggio 2014, n. 9627)

File allegati:

In tema di onorari e diritti dovuti dal cliente al proprio difensore per prestazioni professionali rese dal secondo al primo in un giudizio civile, come pure per quelle stragiudiziali purché strettamente collegate al mandato conferito per la difesa nel medesimo giudizio, quand'anche il patrono si sia avvalso dell'ordinario procedimento di ingiunzione ex artt. 633 ss. c.p.c., nelle forme previste e regolate dallo speciale procedimento ex artt. 29 e 30 della l. 13 giugno 1942 n. 794,  alla decisione su di esso deve riconoscersi, se pure adottata nella forma della sentenza, natura sostanziale d'ordinanza.
Ordinanza che, per avere carattere decisorio, in quanto idonea ad incidere direttamente sulle situazioni giuridiche delle parti, e per essere espressamente dichiarata non impugnabile con l'appello, è soggetta al ricorso per cassazione ex art. 111 Cost. per violazione di legge e può farsi valere il vizio di motivazione solo ove questo si risolva in violazione di legge, cioè in caso di radicale mancanza o di mera apparenza della stessa.
 
a cura di Sara Fabbiani

I commenti sono chiusi.