Decorrenza del termine lungo per proporre impugnazione nel caso in cui sulla sentenza civile venga apposto timbro e firma del Cancelliere sia in data di deposito che di pubblicazione (Cass., Sez. Un., 22 settembre 2016, n. 18569)

File allegati:

A seguito di un contrasto giurisprudenziale sulla decorrenza del termine lungo per l’impugnazione nell’ipotesi in cui si sia verificata la “sciagurata consuetudine di apporre una doppia data in calce alle sentenze civili”, indicando sia la data di deposito, che la data di pubblicazione, le Sezioni Unite della Cassazione hanno affermato che deposito e pubblicazione della sentenza coincidono e che, in caso di dubbio, il giudice tenuto a verificare la tempestività dell’impugnazione proposta deve accertare, anche mediante istruttoria documentale, il momento in cui la sentenza è divenuta conoscibile attraverso il deposito ufficiale in cancelleria e l’inserimento di essa nell’elenco cronologico delle sentenze con attribuzione del relativo numero identificativo.

A cura di Raffaella Bianconi

I commenti sono chiusi.