Enti pubblici e conferimento d’incarico: il diritto al compenso professionale presuppone un contratto idoneo a vincolare l’amministrazione, che dunque deve essere conferito dall’organo munito dei relativi poteri di rappresentanza esterna (Cass, Sez. II, Ord. 3 dicembre 2019, n. 31516)

File allegati:

Con la pronuncia in commento la Suprema Corte torna ad affermare un noto principio in tema di diritto al compenso professionale e cioè che per la sussistenza dello stesso occorre un contratto idoneo a vincolare l’amministrazione. Pertanto, oltre alla forma scritta, è necessario che la volontà dell’amministrazione sia stata effettivamente espressa dall’organo munito dei relativi poteri di rappresentanza dell’ente, a nulla rilevando la sussistenza di un delibera di autorizzazione a diverso organo ad intervenire nell’interesse dell’ente stesso, avendo quest’ultima una mera efficacia interna.

 

A cura di Guendalina Guttadauro

 

I commenti sono chiusi.