Integra la responsabilità professionale esclusiva la mancata rinnovazione della garanzia ipotecaria (Cass. Sez. III, Ord., 22 giugno 2020, n. 12127)

File allegati:

Nella sentenza in commento la Cassazione si pronuncia in materia di risarcimento del danno per responsabilità professionale dell’avvocato che, sapendo della garanzia ipotecaria iscritta su un immobile l’abbia lasciata scadere al termine del ventennio, senza procedere alla sua rinnovazione.

Sostiene la corte che il comportamento del legale sia da qualificare come negligente a fronte della diligenza media richiesta al professionista: infatti, la conoscenza della normativa che impone la rinnovazione dell’ipoteca è questione prettamente giuridica e rientra a pieno nella diligenza media esigibile dal professionista.

In riforma della sentenza resa dal Tribunale, la Suprema Corte ha ritenuto che non possa sussistere neanche un concorso di colpa del creditore ipotecario che non abbia comunicato la scadenza della garanzia in quanto è soltanto il professionista a dover conoscere il periodo di validità della stessa e procedere, nel caso, alla rinnovazione.

A cura di Sofia Lelmi

I commenti sono chiusi.