La contrattazione standardizzata avvocato/cliente è soggetta alla Dir. 93/13 (Corte di Giustizia Europea, Sez. IX,15 gennaio 2015, n. C-537/13)
Qualora un legale stipuli con privati contratti relativi alla prestazione di servizi professionali che contengano clausole standardizzate, predisposte dal legale stesso, o dall’ordine di appartenenza, tali clausole sono soggette alla disciplina di cui alla Dir. 93/13/CE concernente le “clausole abusive” nei contratti con i consumatori. Per l’effetto di tale disciplina le clausole contrattuali devono essere interpretate (avuto riguardo alle circostanze della stipula) in senso favorevole al consumatore, ove non redatte in maniera chiara e precisa.
a cura di Raffaella Bianconi

I commenti sono chiusi.