La trattazione del processo prima dell’orario previsto non viola il diritto di difesa (Cass., Sez. II Pen., 15 gennaio 2015, n.1751)

File allegati:

La II Sezione Penale della Corte di Cassazione, con la pronuncia in esame, afferma il principio secondo il quale la trattazione del processo alcuni minuti prima dell’orario indicato nel verbale dell’udienza precedente non determina una nullità ex art.178 lettera c) c.p.p.
Nel caso di specie la Corte ha rilevato che la mancata partecipazione all’udienza da parte del ricorrente non era imputabile alla celebrazione del processo ad un orario anticipato, seppure di pochi minuti, rispetto a quello fissato e che comunque il difensore niente ha eccepito al riguardo cosicché ogni eventuale nullità a regime intermedio configurabile deve intendersi sanata.
a cura di Fabio Marongiu

I commenti sono chiusi.