Per accedere al patrocinio a spese dello Stato non è sufficiente versare in una condizione economica sfavorevole, essendo necessaria la sussistenza di precisi requisiti di legge (Cass., Sez. IV Pen., 10 febbraio 2015, n. 5990)

File allegati:

Con la sentenza in commento la Corte di Cassazione si pronuncia in materia di patrocinio a spese dello Stato.
Nello specifico la Corte di Cassazione ribadisce che per poter accedere al patrocinio a spese dello Stato non sia sufficiente rappresentare una condizione economia contingente particolarmente sfavorevole, bensì essere in possesso dei requisiti reddituali espressamente e dettagliatamente previsti dal D.P.R. n. 115/2002.
Nel caso di specie la Procura della Repubblica ricorreva innanzi alla Corte di Cassazione avverso una sentenza del giudice penale di proscioglimento dell’imputato dal reato di false attestazioni – nello specifico lo stesso aveva omesso di dichiarare di percepire una pensione di invalidità nell’ambito della richiesta di ammissione al patrocinio a spese dello Stato -, in considerazione delle condizioni economiche particolarmente sfavorevoli in cui lo stesso versava al momento in cui richiedeva di essere ammesso al patrocinio a spese dello Stato.
Sulla scorta delle suddette argomentazioni la Suprema Corte di Cassazione accoglieva il ricorso della Procura della Repubblica.
A cura di Silvia Ventura

I commenti sono chiusi.