Sulla soggezione a contribuzione anche dell’attività di consulenza finanziaria svolta dall’avvocato (Cass., Sez. Lav., 18 aprile 2011 n. 8835)

File allegati:

Con la sentenza in commento, la Corte di Cassazione ha affermato il principio secondo il quale, l'avvocato che svolge anche attività di consulenza finanziaria è tenuto per questi redditi a versare i contributi alla Cassa di previdenza e assistenza forense.

La Suprema Corte ha accolto il ricorso proposto dalla Cassa di previdenza ritenendo che debba reputarsi connessa con la professione di avvocato l'attività di consulenza finanziaria svolta dal legale con la conseguenza che i relativi redditi e volumi d'affari vanno anch'essi assoggettati a contribuzione, in quanto dal volume d'affari del professionista devono essere escluse soltanto  le attività che pur non essendo incompatibili, non hanno nulla in comune con l'esercizio dell'attività di avvocato. 

A cura di Elisa Martorana

I commenti sono chiusi.